Olivieri: non parlo con… i nani della sanità territoriale, ma con i cittadini disperati

ott 13 2017

Alcuni nani della politica vastese, con il volto celato dietro la sigla PD territoriale, si ostinano a più riprese a criticare comportamenti, esternazioni e giudizi, in materia di organizzazione sanitaria, del sottoscritto Consigliere regionale Olivieri, Presidente della V Commissione Sanità.

Questi male accorti sono, evidentemente alla ricerca di improbabili nemici con cui intrattenere un contenzioso polemico atto a celare i malfunzionamenti (alla ricerca di un capro espiatorio a cui attribuire le loro inettitudini) ed il progressivo scadimento dell’offerta dei servizi socio-sanitari nell’intero territorio regionale, in particolare nel Vastese e nelle altre zone interne dell’Abruzzo, come tutti i cittadini e gli operatori a gran voce lamentano.

Vogliamo dire, in maniera forte e chiara, che non ci interessano politiche e polemiche artatamente costruite da chi nell’ambito della organizzazione sanitaria porta, in maniera esclusiva, le relative responsabilità di non aver migliorato la efficienza dei servizi ottenendo, al contrario, l’imprigionamento progressivo dei conti ed il danneggiamento dell’offerta sanitaria per tutti i cittadini.

Queste responsabilità sono precisamente del PD regionale e dei relativi amministratori che si sono occupati della materia, in maniera pedestre e non condivisibile.

I nostri distinguo, le grida di dolore e le proposte, che sin dall’insediamento di questa amministrazione abbiamo copiosamente diffuso, sono restati – con la forza dei numeri- per la maggior parte inascoltati, consentendo una deriva verso la sanità privata ed una totale inefficienza della sanità pubblica che è ricaduta sulle spalle dei cittadini inermi.

Il sottoscritto Presidente della Commissione Sanità non ha purtroppo potuto incidere, essendo il settore gestito attraverso il Commissariamento ed il Piano di rientro esclusivamente dall’Assessore alla Programmazione sanitaria Silvio Paolucci.

Ora la situazione è cambiata. La Commissione regionale Sanità potrà cominciare ad esaminare i vari provvedimenti e, sin da ora, assicuriamo il proseguimento di un incessante impegno per ottenere risultati e miglioramenti. Vogliamo concludere chiedendo al PD territoriale, prono come tutto il PD verso la Sanità privata, di promuovere le dimissioni di tutti quelli a cui sono attribuite le singole responsabilità di un deficit eccessivo e di uno scadimento dei servizi sotto gli occhi di tutti.

Parliamo, in particolare, delle inefficienze della Asl2 Lanciano-Vasto-Chieti e del Direttore generale artefice del disastro sanitario ed economico-aziendale che ormai è sotto l’avallo dell’Assessorato delegato a cui faremo immediatamente da supporto, affinché ci conceda finalmente la possibilità di incidere a favore del nostro territorio o di accompagnarlo alla porta dalla quale i cittadini abruzzesi, in ogni caso, lo estrapoleranno ben presto, con buona pace del PD territoriale a cui chiediamo il coraggio di palesarsi con nomi e cognomi di avvocati difensori di una causa che lo stesso PD territoriale ha già perso.

Il Consigliere regionale e Presidente della Commissione V Sanità della Regione Abruzzo

Mario Olivieri

URL breve: http://piazzadelvasto.it/?p=69930

Scritto da il ott 13 2017. Registrato sotto OPINIONI-LETTERE. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati

300x250 ad code [Inner pages]

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google
120x600 ad code [Inner pages]
Eikon