Nella casa del delitto di Monteodorisio è arrivato il Ris

feb 12 2018

A distanza di otto giorni dal ritrovamento privo di vita di Antonio Lizzi, 69 anni pensionato, con le caviglie e i polsi legati nella sua abitazione in contrada Marracola a Monteodorisio, sono giunti in tarda mattinata da Roma i Carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche. Poco prima delle 13.00 sono stati tolti i sigilli all’area delimitata per accedere nella casa dove si è consumato il delitto dell’anziano che, vedovo da qualche anno, viveva da solo. ris_monteodorisioSopralluogo dello speciale reparto investigativo dell’immobile e delle pertinenze richiesto dal procuratore della Repubblica di Vasto Giampiero Di Florio al fine di dare un nome e un volto all’assassino che ha provocato la morte di Lizzi per “asfissia meccanica violenta da compressione toracica”, come rilevato dall’autopsia eseguita a Chieti lo scorso 6 febbraio da Pietro Falco, responsabile del servizio di medicina legale dell’Asl 02 Abruzzo. I carabinieri del Ris inizieranno le loro analisi cominciando dal Fiat Fiorino, parcheggiato in maniera anomala nel dialetto d’ingresso della casa di campagna, utilizzato dal pensionato nei suoi quotidiani spostamenti.

URL breve: http://piazzadelvasto.it/?p=70829

Scritto da il feb 12 2018. Registrato sotto slider prima pagina, VASTO. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Devi essere collegato per poter lasciare il tuo commento Collegati

300x250 ad code [Inner pages]

Cerca nell'archivio

Cerca per data
Cerca per Rubrica
Cerca con Google
120x600 ad code [Inner pages]
Eikon
Online Drugstore,buy Promethazine,Free shipping,cheap bentyl,Discount 10%